24 Settembre, 2017
A- A A+

GRIMANI, Marino - "Ponto" del testamento

154[6] settembre 21, Piacenza

Marino Grimani, cardinale vescovo di Porto, lascia tutti i suoi libri ovunque esistenti, greci, ebraici, latini e tutti i manoscritti in pergamena e papiro – di cui sarà fatto preventivamente un inventario a cura dei suoi commissari – al monastero di San Giorgio Maggiore di Venezia dell’ordine di san Benedetto, per la realizzazione in quel luogo di una biblioteca, da costruire nell’arco di due anni dal giorno della consegna dei libri stessi, simile a quella donata da <Domenico> Grimani al cenobio di Sant’Antonio della stessa città; se passsato questo tempo non sarà stata costituita, allora tutti i libri vengano trasferiti al convento dei frati religiosi di San Domenico dell’ordine dei Predicatori, con la clausola che nel caso siano negligenti allora tutto il patrimonio librario debba essere trasferito ai frati religiosi dei Santi Giovanni e Paolo dello stesso ordine; dona gli altri libri a Giulio Grimani protonotaio apostolico.


Copia [B], Biblioteca Museo Civico Correr, Venezia, Provenienze diverse C 745, fasc. III (non cartulato).

Trascrizione integrale: Delle inscrizioni veneziane, raccolte ed illustrate da Emmanuele Antonio Cicogna di Venezia, vol. IV, Venezia, G. Picotti, 1834, pp. 597-598, nota 3.

Sul frontespizio del volume («vacchetta») che contiene il documento: «Inventario di libri già lassati per far una libraria in San Zorzi».


testo originale []

Ponto del testamento dell'illustrissimo monsignor Marino vescovo Portuensis, cardinal Grimano, celebrato l'ano(a) 154[6](b) die 21 septembris in(c) Pia[cen]za nel monastero di Canonici regulari.
Item relinquo omnes libros meos ubicumque existentes, Graecos et Ebreos cuiuscumque qualitatis fuerint, necnon latinos omnes manuscriptos in membranis et illos etiam qui manuscripti sunt papiro, qui iudicabuntur digni ut reponantur in biblioteca; et hos ultimos arbitrio Iulii protonotarii apostolici alumni mei, monasterio et fratribus Sancti Georgii Maioris in civitate Veneciarum, ordinis sancti Ben|edicti, pro biblioteca construenda in eodem monasterio con|venientibus expensis ipsorum fratrum, nisi per mei(a) ipsa vel altera construeretur; ita tamen quod in termino duorum annorum a die consignationis dictorum librorum, ipsi patres teneantur ipsam convenientem construere et libros in eadem reponere ad similitutinem saltem alterius Grimanae bibliothecae in cenobio Sancti Antonii eiusdem civitatis; quo termino elapso, nisi ipsa constructa fuerit et libri in ea [pos]iti, deducantur omnes monasterio religiosorum fratrum Sancti Dominici de observantia ordinis Predicato|rum eiusdem civitatis cum onere predicto. Quod si et ipsi negligentes fuerint revertantur ad usum religiosorum fra|trum Sanctorum Ioannis et Pauli eiusdem ordinis cum eadem obligatione. De quibus omnibus antequam predictis monasteriis tradantur volo quod conficiatur inventarium per comissarios meos. Reliquos vero omnes libros meos ubicumque existentes dono et lego Iulio Grimani prothonotario predicto ut de ipsis ad omnem libitum suum disponere [valeat].


(a) Così nel testo. (b) Il cardinale -6, qui visibile sono nella parte superiore, è corretto con ogni verosimiglianza da un precedente 4 (c) Segue Orvieto nel S- depennato.